NEWS
Tutti i Post
Il Welfare italiano fa un ulteriore passo avanti e, dopo il rinnovo della Social Card Ordinaria, per il 2014 estende la Social Card Straordinaria dai 12 Comuni dov'è stata testata sperimentalmente lo scorso anno - Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia, Verona - a tutta l'Italia. Una misura piccola ma concreta per aiutare le famiglie più bisognose a far fronte alle esigenze e alle spese di base, che si pone allo stesso tempo come obiettivo quello di agevolare il reinserimento nel mondo del lavoro dei beneficiari. Ma che cos'è la Social Card Straordinaria a quali requisiti bisogna possedere per fare richiesta? La Social Card Straordinaria, anche chiamata Carta Acquisti Sperimentale, è un supporto economico corrisposto dall'Inps a nuclei familiari che si trovano in condizioni di difficoltà ed è pari a 231 euro al mese per famiglie composte da 2 persone, 281 euro per famiglie di 3, 331 euro per famiglie di 4 e 404 euro per famiglie di 5 o più membri. Possono fare richiesta della Social Card Straordinaria cittadini italiani o comunitari e loro familiari (questi ultimi anche "senza la cittadinanza di uno Stato membro", purché titolari "del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente"), cittadini stranieri "in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo" e rifugiati politici o titolari di protezione sussidiaria, all'interno del cui nucleo familiare ci sia almeno "un componente di età minore di anni 18" e che rispondano a precisi requisiti di carattere economico. Nello specifico, detti requisiti prevedono che l'ISEE sia inferiore o uguale a 3 mila euro, il patrimonio mobiliare non superi gli 8 mila euro, il "valore ai fini ICI della abitazione di residenza" non sia maggiore di 30 mila euro, non si goda di trattamenti previdenziali o questi ultimi siano sotto la soglia dei 600 euro al mese e, infine, non si possiedano "autoveicoli immatricolati nei 12 mesi antecedenti la richiesta", né "autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc", né "motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati nei tre anni antecedenti". Se si possiedono tutti questi requisiti economici e in più si verificano anche quelli lavorativi che prevedono "assenza di lavoro per i componenti in età attiva del nucleo al momento della richiesta del beneficio" e perdita dello stesso per "almeno un componente del nucleo per il quale, nei 36 mesi precedenti la richiesta", allora si può fare domanda della Social Card Straordinaria presso il Comune di residenza, che stilerà una graduatoria provvisoria, verificata la quale l'Inps erogherà il contributo in base al collocamento e alla disponibilità. Da ultimo, è bene ricordare che "nel caso in cui un componente il nucleo familiare sia già beneficiario della carta acquisti ordinaria, nella domanda dovrà essere indicato espressamente di rinunciare alla carta ordinaria, per tutto il periodo di sperimentazione della nuova carta".

Economia

Dal 1° gennaio 2013 è entrata in vigore la Social Card Ordinaria, che altro non è che la vecchia carta acquisti messa a disposizione delle persone in condizioni di particolari difficoltà economiche da parte dello Stato dal 2008 al 2012. Il progetto prosegue anche per il 2014, grazie allo stanziamento deliberato da ENI S.p.A. e ENI Foundation, e a partire da quest'anno tra gli aventi diritto sono inclusi anche i cittadini "di Stati membri dell'Unione Europea ovvero familiari di cittadini italiani o di Stati membri dell'Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero stranieri in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo". Al momento le nuove modalità per la presentazione della domanda e la modulistica necessaria non sono ancora note, in quanto è necessario che sia prima pubblicato l'apposito decreto attuativo, ma sono invece confermati i requisiti necessari per fare richiesta della Social Card 2014. Nello specifico, potranno ottenere la carta acquisti da 40 euro mensili con cadenza bimestrale (per un totale di 80 euro a 'ricarica'), ai quali "andranno ad aggiungersi eventuali somme messe a disposizione dagli Enti territoriali di residenza", gli anziani di età pari o superiore a 65 anni e i bambini con meno di 3 anni, il cui diritto alla Social Card Ordinaria dovrà essere essere esercitato da chi detiene la patria potestà. Più nel dettaglio, gli aventi diritto adulti dovranno essere privi di reddito o con un reddito inferiore a 6.781,76 euro per l'anno 2014 se di età pari o superiore a 65 anni e inferiore a 70 anni e a 9.042,34 euro se di età pari o superiore a 70 anni. Inoltre dovranno avere un ISEE inferiore a euro 6.781,76 per l'anno corrente e non essere, da soli o insieme al coniuge, intestatari di più di una utenza elettrica domestica, di più di una utenza elettrica non domestica e di più di due utenze del gas, né proprietari di più di due autoveicoli, di più di un immobile ad uso abitativo con una quota superiore o uguale al 25% e di immobili che non siano ad uso abitativo o di categoria catastale C7 con una quota superiore o uguale al 10%, né titolari di un patrimonio mobiliare superiore a euro 15.000, né infine fruire "di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni in quanto ricoverato in istituto di cura di lunga degenza o detenuto in istituto di pena". Per quanto riguarda invece i bambini con meno di 3 anni, questi ultimi dovranno avere un ISEE inferiore a 6.781,76 per l'anno in corso e non dovranno risultare intestatari, insieme a chi esercita la patria potestà, di più di una utenza elettrica domestica, di più di una utenza elettrica non domestica e di più di due utenze del gas, né proprietari di più di due autoveicoli, di più di un immobile ad uso abitativo con una quota superiore o uguale al 25% e di immobili che non sono ad uso abitativo o di categoria catastale C7 con una quota superiore o uguale al 10%, né infine titolari di un patrimonio mobiliare superiore a 15 mila euro. La domanda per la Social Card Ordinaria va presentata presso un Ufficio Postale, compilando gli appositi moduli disponibili anche sul sito di Poste Italiane, e deve contenere l'elenco di tutti i requisiti necessari, la cui veridicità è sotto la diretta responsabilità del dichiarante.

Economia

Entrata in vigore il 1° gennaio, l'Isee 2014 prevede una serie di importanti novità per quanto riguarda i redditi da considerare ai fini del calcolo per ottenere le agevolazioni fiscali, i documenti da presentare e la procedura da seguire. Partendo dal primo punto, la nuova Isee tiene conto oltre che dei beni mobili e immobili che formano il reddito patrimoniale, anche di quelli cosiddetti fiscalmente esenti, ovvero: pensioni, pensioni di invalidità, pensioni sociali, pensioni di guerra, pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva, indennità, rendite erogate dell'Inail per invalidità o morte, assegni e maggiorazioni sociali, somme per finalità assistenziali o risarcitorie, assegni per il mantenimento dei figli e borse di studio a studenti universitari. In tal senso, nell'Isee 2014 è stata introdotta la nuova voce ISR, che definisce la situazione reddituale dei disabili, comprensiva di tutti i trattamenti assistenziali e previdenziali di cui fruiscono. Una serie di specifiche che si sommano a quelle stabilite per calcolare il patrimonio immobiliare, finalizzate ad aiutare i soggetti e le famiglie che si trovano in situazioni di reali difficoltà, permettendo loro di accedere in modo semplice e immediato alle detrazioni fiscali e alle agevolazioni previste, e a impedire invece l'accesso alle medesime da parte dei cosiddetti 'furbetti'. Tra le novità dell'Isee 2014 si segnalano poi quelle relative ai documenti da presentare. Mentre nel 2013 per ottenere l'Indicatore della situazione economica equivalente erano necessari stato di famiglia, codice fiscale di tutti i soggetti indicati nello stato di famiglia, copia di un documento d'identità del dichiarante e ASL di appartenenza, eventuale certificato attestante l'invalidità superiore al 66%, copia della dichiarazione dei redditi dell'anno antecedente, copia del contratto di affitto, ammontare del patrimonio di tutti i membri del nucleo familiare fino al 31 dicembre dell'anno antecedente e 730 o Modello Unico o visure catastali (più ricevute dell'eventuale mutuo residuo al 31 dicembre antecedente la dichiarazione Isee), per il 2014 la parte relativa all'autocertificazione è ridotta e tutti i dati fiscali sono compilati dalla PA, sulla base delle informazioni contenute nella banca dati dell'Inps. Da ultimo, in merito alla procedura da seguire per il calcolo del valore dell'Isee, a partire dal 2014 lo stesso si ottiene presentando la dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) a un Patronato, all'Ente che eroga i benefici/le agevolazioni cui si vuole accedere oppure direttamente all'Inps.

Economia

Nonostante un futuro incerto - o forse proprio per questo - le pensioni integrative non decollano: secondo il presidente di Assofondipensione, Michele Tronconi, infatti, "dopo il boom del 2007, la previdenza complementare cresce a ritmo troppo lento e insufficiente rispetto a quello che sarebbe necessario per costruire un sistema pensionistico misto". Il punto? Gli italiani fanno fatica a rinunciare al TFR per destinarlo alle casse di uno dei vari fondi pensione privati istituiti negli ultimi anni e pensati per rimpinguare un assegno previdenziale che si preannuncia decisamente leggero: il rapporto tra pensione e ultima retribuzione, infatti, si prevede nel 2030 scenderà a circa il 50% rispetto al 67% di chi si ritira ora dal lavoro. Ipotesi davvero poco rassicurante, che tuttavia non sembra spingere i cittadini del Belpaese a cercare un rimedio, anche se lo scenario tratteggiato da Tronconi ha tinte decisamente fosche. Per il presidente di Assofondipensione, infatti, le pensioni integrative rappresentano "un obiettivo imprescindibile per garantire l'equilibrio fra la sostenibilità finanziaria e la sostenibilità sociale del nostro Paese, se si vuole evitare, in particolare ai giovani lavoratori, una vecchiaia di ristrettezze e di disagio". Eppure, nonostante gli allarmi, le "dinamiche di adesione alla previdenza complementare ancora modeste rispetto agli obiettivi prefissati", spiegano dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Cosvip), con il patrimonio gestito dai fondi pensione negoziali cresciuto fino a 33 miliardi nel terzo trimestre, ma con gli iscritti calati dello 0,7% nell'ultimo anno, per un totale complessivo di 1,956 milioni. Un situazione che non sembra destinata a cambiare, tanto più quando da un personaggio che gode di vasto seguito come Beppe Grillo arrivano dichiarazioni che gettano benzina sul fuoco: "Non è opportuno giocarsi la pensione alla roulette dei mercati finanziari", ha scritto infatti il leader del M5S sul suo blog, aggiungendo: "Nessun prodotto della previdenza integrativa, nessun fondo pensione chiuso, aperto, socchiuso che sia, nessun piano individuale previdenziale o pensionistico, nessuna polizza vita garantisce in potere d'acquisto i soldi messi dal lavoratore".

Economia

Internet ovunque, per tutti, veloce e semplice? Non è un miraggio, ma la realtà di tooway, il servizio di Eutelsat che fornisce connessione satellitare a banda larga in Europa e nel bacino del Mediterraneo, grazie al satellite multifascia KA-SAT per la ricezione e la trasmissione dei dati, lanciato in orbita alla fine del 2010. Una tecnologia rivoluzionaria, che consente l’ accesso a internet ad alta velocità in ogni parte di Italia, comprese quelle non servite dalle tradizionali reti terrestri, con standard elevatissimi e costi paragonabili a quelli dell'ADSL. Usufruire del servizio tooway e dire addio una volta per tutte a connessioni lente, a singhiozzo o del tutto assenti, è semplice e veloce: per accedere a internet via satellite sono sufficienti infatti "un computer (Mac, Windows o Linux) con una scheda di rete (10/100 Mbps), una parabola satellitare e un modem tooway" e nessuna connessione telefonica o via cavo, né software supplementare. L'installazione dell'antenna può essere fatta autonomamente, seguendo le istruzioni di un video tutorial sul sito tooway.it oppure chiedendo l'intervento di uno dei 4000 installatori formati e certificati da Eutelsat. Per abbonarsi a tooway basta contattare uno dei rivenditori autorizzati o il servizio clienti (Voglio parlare con un consulente) e scegliere la formula più adatta alle proprie esigenze, valutandola grazie al Calcolatore Tooway, uno strumento online che permette di individuare il pacchetto che meglio corrisponde alle diverse necessità: M da 10 GB/mese al costo di 19,90 euro i primi 3 mesi (poi 26,90 euro), L da 20 GB/mese a 18,45 euro al mese (per i primi 3 mesi in promozione fino al 28 febbraio 2014), XL da 30 GB/mese a 23,45 euro al mese (per i primi tre mesi in promozione fino al 28 febbraio 2014) e XXL da 50 GB/mese a 69,90 euro al mese, gli ultimi tre con traffico illimitato dalle 23 alle 7. I prezzi indicati non comprendono l’IVA Insomma, un servizio senza uguali e assolutamente innovativo! Per presentare al pubblico i servizi offerti, tooway ha lanciato sul sito e sulla propria pagina Facebook il gioco La casa connessa, una sorta di caccia al tesoro in versione 2.0 che mette in palio premi imperdibili per i techno addicted (e non solo), ovvero un anno di abbonamento a internet con tooway, un tablet Surface con Windows 8, un anno di abbonamento a Deezer e un paio di guanti Bluetooth per smartphone. Per vincere basta trovare gli oggetti connessi nella casa (smartphone, pc, tv ed elettrodomestici di vario tipo); inoltre, rispondendo ad alcune domande e invitando gli amici a partecipare, si possono avere ancora più possibilità di aggiudicarsi uno dei premi. Sponsored by tooway

Economia

FINANZAINMENTE
NEWS