NEWS
Lo smartphone diventa un mobile wallet con Poste Mobile
Scritto il 2015-07-06 da Roberta Mazzacane su Economia

Fonte: sostariffe.it

Con la Sim NFC di Poste Mobile finalmente è possibile fare ordine e tenere tutte le carte fedeltà nello Smartphone, trasformando il dispositivo cellulare in un vero e proprio mobile wallet, un portafoglio virtuale dove raccogliere i punti e tenere tutte le carte fedeltà a portata di mano semplicemente mostrando il cellulare in cassa. Basta scaricare l’App PosteMobile, già disponibile su Google Play Store e a breve online anche su App Store.

Come raccogliere punti?

Una volta scaricata l'applicazione bisogna aggiungere la carta fedeltà nella sezione “Carte” dell’App, inquadrando il codice a barre oppure digitando il numero riportato sotto il codice a barre.

Ogni qualvolta si farà un acquisto in un negozio di cui si possiede la carta fedeltà, basterà mostrare la carta digitale presente nell'App alla cassa del punto vendita. In questo modo il cassiere potrà leggere il codice a barre dallo Smartphone e caricare i punti. Anche utilizzando una cassa automatica basterà avvicinare il codice a barre della carta digiitale al lettore, con lo schermo dello Smartphone rivolto verso il lettore delle carte, cosicchè i punti fedeltà verranno automaticamente caricati.

L'App PosteMobile di Poste Italiane può essere utilizzata da qualsiasi smartphone e con qualsiasi SIM, di PosteMobile e di altri operatori mobili. Serve una connessione dati o Wifi per la registrazione della carta in App e per la lettura della carta dallo Smartphone una volta alla cassa.

Viaggiare sugli autobus di Milano e Torino senza biglietto

Con la Super SIM NFC si può ancheviaggiare sui mezzi pubblici a Milano e a Torino con il proprio smartphone, acquistando l'abbonamento direttamente dall’App e poi basta avvicinare lo smartphone al tornello della metropolitana o alla convalidatrice negli autobus. Il Servizio Trasporti può essere usato dai possessori di qualsiasi sim. La Super SIM NFC può essere acquistata negli uffici postali oppure online e può essere acquistata al costo di una SIM standard e può essere associata a qualsiasi piano tariffario di PosteMobile. Ecco un video che spiega e illustra la sim:

Articoli Correlati
In un momento storico finanziario così fragile e particolare, l'economia ne risente in moltissimi campi. Uno su tutti che ha raggiunto molte difficoltà da parte dei cittadini è quello dell'assicurazione auto. Soprattutto al sud (secondo le ultime indagini di mercato), almeno un contribuente su tre sceglie di non rinnovare la propria polizza, lasciando fermo il proprio veicolo nel garage o comunque non usandolo. Per non ritrovarsi ad avere brutte sorprese non sapendo di un tacito rinnovo, un cittadino ovviamente prima di firmare una polizza auto deve informarsi accuratamente. Di seguito qualche consiglio su come disdire l'assicurazione auto per fare un pochino di chiarezza sulla situazione. Prima di tutto al momento del preventivo dell'assicurazione occorre chiedere tempestivamente la questione del rinnovo. In base alle informazioni che verranno rilasciate dalla compagnia assicurativa scelta sul tacito rinnovo di questa o meno, si può chiedere che questa opzione venga tolta. In questo caso però occorrerà prestare la massima attenzione sulla scadenza dell'assicurazione, per non ritrovarsi ad averla non attiva e incorrere così a multe e anche piuttosto salate. Nel caso invece in cui si voglia fare la disdetta della propria assicurazione, basta recarsi presso la sede fisica della propria compagnia assicurativa o in caso di compagnia assicurativa online tramite e-mail, quindi informare delle proprie intenzioni. Bisogna comunque ricordarsi al momento della firma della polizza se questa prevedeva qualche clausola relativa a una penalizzazione in caso di disdetta prima del tempo. Inoltre bisogna diffidare o comunque prendere con le pinze certe pubblicità che propongono offerte assicurative che sono strategiche ma non completamente esaustive e, un utente distratto, potrebbe interpretarle nel modo meno opportuno. Per tutti questi motivi è sempre consigliabile al momento della firma del contratto per la propria polizza assicurativa, di prendersi qualche appunto e creare un'apposita cartellina dove inserire tutti i documenti, in modo che non ci siano incomprensioni con la propria compagnia. Dopotutto è sempre meglio prevenire che... Rinnovare!

Economia e finanza - Comunicablog

A partire dal 15 aprile il 730 precompilato sarà a portata di clic per dipendenti e pensionati. Proprio per questo l'Agenzia delle Entrate ha lanciato una campagna informativa per chiarire i dubbi sulla nuova dichiarazione dei redditi. Leggi l'approfondimento sul 730 precompilato!

Economia e finanza - Comunicablog

Visa Europe ha rilevato che migliaia di aziende europee, comprese quelle italiane, stanno cambiando il loro atteggiamento nei confronti dell’utilizzo delle carte di pagamento. Nonostante le PMI compongano il 98% dell’imprenditoria italiana, l’86% di queste non utilizza una carta per le spese aziendali e questo è causa di un ritardo operativo delle aziende del Bel Paese rispetto a quelle estere. Alla luce di questo, Intesa San Paolo e Visa hanno deciso di lanciare un’innovativa gamma di carte di pagamento e di servizi il cui tratto distintivo sono i servizi accessori correlati. Carta Debit, Carta Credit e Carta Prepaid  sono le nuove tre carte per aziende che risponderanno ai principali bisogni del mondo dell’impresa. La Carta Debit è la carta di debito di ultima generazione che offre la possibilità di personalizzare i limiti di spesa e il PIN e di effettuare acquisti anche in modalità contactless (avvicinando semplicemente la carta al POS). La Carta Credit consente di posticipare la valuta di addebito fino al secondo mese successivo a quello in cui si sono effettuati gli acquisti. Infine, la Carta Prepaid è la prima carta prepagata nominativa per le aziende dotata di IBAN, in grado quindi di operare a tutti gli effetti come fosse un conto corrente. “Il 2014 – ha dichiarato Davide Steffanini, Direttore Generale Visa Europe in Italia - segnerà in Italia un’accelerazione dell’accettazione dei pagamenti elettronici da parte delle aziende grazie anche al nuovo corso legislativo che stabilisce che ad esempio medici, avvocati e altri liberi professionisti debbano adottare dispositivi per ricevere tali pagamenti.”

Economia e finanza - Comunicablog