NEWS
Prestiti: aumentano domande e tempi di restituzione
Scritto il 2014-12-22 da Rosanna Gattuso su Economia

Fonte: effemeride.it

Novità dal mondo del mercato dei prestiti. Probabilmente a causa del calo degli stipendi, è stata registrata una crescita dei prestiti richiesti ma, chiaramente, si sono allungati i tempi di restituzione.

E’ questo l’esito di uno studio dell’Osservatorio sul credito al consumo di Prestiti.it e Facile.it che hanno riscontrato una crescita dell’importo medio dei prestiti personali del 14 percento negli ultimi sei mesi e del 22 percento in un anno. Parlando di cifre, pare che si sia passati dai 10 mila euro registrati nel mese di ottobre 2013 ai 13 mila euro esattamente un anno dopo (novembre 2014).

L’Osservatorio ha analizzato oltre 40 mila domande di richiesta presentate tra il mese di aprile e il mese di settembre di quest’anno e ha notato che il calo degli stipendi dei richiedenti (dai 1700 ai 1500 euro in media) abbia addirittura allungato fino a 5 anni il tempo di restituzione della cifra presa in prestito.

Ma quali sono i motivi che spingono gli italiani a richiedere un prestito? Le giustificazioni sono varie e molto diverse fra loro. Nel 22,3 percento dei casi le persone chiedono un prestito per ottenere liquidità, mentre il 19,9 percento ha bisogno di soldi per acquistare un’auto addirittura usata.

Nonostante siano nettamente diminuite le domande di prestito per colmare i debiti precedenti (si è passati dal 14,1 al 9,2 percento), le diverse novità introdotte dallo Stato su incentivi e sconti hanno invece fatto da stimolo per la richiesta di ulteriori prestiti finalizzati alla ristrutturazione della propria abitazione (+15,4%) e per l’acquisto di nuovo arredamento (passati dall'8% al 9,8% del totale).

Tra i dati è emerso inoltre che Calabria, Liguria e Sicilia sono le regioni che hanno fatto registrare una crescita degli importi medi richiesti di oltre il 20%. Per quanto riguarda il resto del Bel Paese l’aumento è abbastanza omogeneo per tutte le altre regioni.

Articoli Correlati
In un momento storico finanziario così fragile e particolare, l'economia ne risente in moltissimi campi. Uno su tutti che ha raggiunto molte difficoltà da parte dei cittadini è quello dell'assicurazione auto. Soprattutto al sud (secondo le ultime indagini di mercato), almeno un contribuente su tre sceglie di non rinnovare la propria polizza, lasciando fermo il proprio veicolo nel garage o comunque non usandolo. Per non ritrovarsi ad avere brutte sorprese non sapendo di un tacito rinnovo, un cittadino ovviamente prima di firmare una polizza auto deve informarsi accuratamente. Di seguito qualche consiglio su come disdire l'assicurazione auto per fare un pochino di chiarezza sulla situazione. Prima di tutto al momento del preventivo dell'assicurazione occorre chiedere tempestivamente la questione del rinnovo. In base alle informazioni che verranno rilasciate dalla compagnia assicurativa scelta sul tacito rinnovo di questa o meno, si può chiedere che questa opzione venga tolta. In questo caso però occorrerà prestare la massima attenzione sulla scadenza dell'assicurazione, per non ritrovarsi ad averla non attiva e incorrere così a multe e anche piuttosto salate. Nel caso invece in cui si voglia fare la disdetta della propria assicurazione, basta recarsi presso la sede fisica della propria compagnia assicurativa o in caso di compagnia assicurativa online tramite e-mail, quindi informare delle proprie intenzioni. Bisogna comunque ricordarsi al momento della firma della polizza se questa prevedeva qualche clausola relativa a una penalizzazione in caso di disdetta prima del tempo. Inoltre bisogna diffidare o comunque prendere con le pinze certe pubblicità che propongono offerte assicurative che sono strategiche ma non completamente esaustive e, un utente distratto, potrebbe interpretarle nel modo meno opportuno. Per tutti questi motivi è sempre consigliabile al momento della firma del contratto per la propria polizza assicurativa, di prendersi qualche appunto e creare un'apposita cartellina dove inserire tutti i documenti, in modo che non ci siano incomprensioni con la propria compagnia. Dopotutto è sempre meglio prevenire che... Rinnovare!

Economia e finanza - Comunicablog

A partire dal 15 aprile il 730 precompilato sarà a portata di clic per dipendenti e pensionati. Proprio per questo l'Agenzia delle Entrate ha lanciato una campagna informativa per chiarire i dubbi sulla nuova dichiarazione dei redditi. Leggi l'approfondimento sul 730 precompilato!

Economia e finanza - Comunicablog

Visa Europe ha rilevato che migliaia di aziende europee, comprese quelle italiane, stanno cambiando il loro atteggiamento nei confronti dell’utilizzo delle carte di pagamento. Nonostante le PMI compongano il 98% dell’imprenditoria italiana, l’86% di queste non utilizza una carta per le spese aziendali e questo è causa di un ritardo operativo delle aziende del Bel Paese rispetto a quelle estere. Alla luce di questo, Intesa San Paolo e Visa hanno deciso di lanciare un’innovativa gamma di carte di pagamento e di servizi il cui tratto distintivo sono i servizi accessori correlati. Carta Debit, Carta Credit e Carta Prepaid  sono le nuove tre carte per aziende che risponderanno ai principali bisogni del mondo dell’impresa. La Carta Debit è la carta di debito di ultima generazione che offre la possibilità di personalizzare i limiti di spesa e il PIN e di effettuare acquisti anche in modalità contactless (avvicinando semplicemente la carta al POS). La Carta Credit consente di posticipare la valuta di addebito fino al secondo mese successivo a quello in cui si sono effettuati gli acquisti. Infine, la Carta Prepaid è la prima carta prepagata nominativa per le aziende dotata di IBAN, in grado quindi di operare a tutti gli effetti come fosse un conto corrente. “Il 2014 – ha dichiarato Davide Steffanini, Direttore Generale Visa Europe in Italia - segnerà in Italia un’accelerazione dell’accettazione dei pagamenti elettronici da parte delle aziende grazie anche al nuovo corso legislativo che stabilisce che ad esempio medici, avvocati e altri liberi professionisti debbano adottare dispositivi per ricevere tali pagamenti.”

Economia e finanza - Comunicablog