NEWS
Buoni fruttiferi postali 2014: nuove emissioni, stesse certezze
Scritto il 2014-01-24 da Silvia Artana su Investimenti

Fonte: www.delcampe.net

Conti deposito e buoni fruttiferi postali: sono due le certezze delle famiglie italiane, che in tempi di crisi e incertezza come quelli attuali preferiscono andare sul sicuro e scegliere soluzioni di risparmio che garantiscono sempre la restituzione del capitale investito e gli interessi maturati. I buoni postali, infatti, sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti, hanno un prezzo fisso (anche in caso di rimborso prima della naturale scadenza) e presentano come unici costi il prelievo fiscale del 12,5% sul rendimento e l'imposta di bollo, pari allo 0,1% del capitale investito, per un importo minimo annuo di 34,2 euro.

Una tipologia di risparmio sicura e redditizia, che a gennaio 2014 si arricchisce di 12 nuove emissioni, ovvero L07, P63, R10, S24, T27, M90, J43, D48, C11, G08, F10 e V06, mentre non sono più sottoscrivibili le serie L06, P62, R09, S23, T26, M89, J42, D47, C10, G07, F09 e V05.

Le nuove emissioni sono garantite come sempre dalla Cassa Depositi e Prestiti e presentano le medesime caratteristiche di massima di quelle che le hanno precedute, con alcune novità di sicuro interesse, come D48 - Buono BFPDiciottomesi, L07 - Buono Risparmi Nuovi, C11 - Buono Risparmio Ventennale e M90 - Buono Dedicato ai Minori.

Tra i buoni postali 2014, la serie D48 è quella di più breve durata (18 mesi), ha un tasso nominale lordo pari allo 0,50% e si distingue per la possibilità che offre di essere rimborsata anticipatamente dopo 6 mesi dalla sottoscrizione, "con diritto alla restituzione del capitale sottoscritto e alla corresponsione degli interessi fino a quel momento maturati". L07 invece dura 3 anni e ha un tasso nominale lordo pari allo 0,50% dal 1° ed al 2° anno e al 3,50% lordo, calcolato sul valore nominale investito, alla scadenza.

C11 è uno dei buoni postali di maggiore durata (20 anni) e garantisce il capitale e un interesse certo e predefinito al momento dell'emissione, quest'ultimo progressivo nel tempo (al 1° anno 0,25%, al 2° anno 0,50%, al 3° anno 1,00%, al 4° anno 1,50%, al 5° anno 2,00%, al 6° e al 7° anno 2,50%, all'8° al 9° e al 10° anno 3,00%, all'11° e al 12° anno 3,50%, al 13° e al 14° anno 4,00%, dal 15° al 17° anno 4,25%, dal 18° al 20° anno 4,75%). M90, infine, rappresenta una novità perché è dedicato espressamente ai giovani da 0 e 16 anni e mezzo e scade al compimento del 18° anno.

Foto