NEWS
Conto Corrente Arancio
Scritto il 2012-05-05 da luigif su Conti correnti

Fonte: im2.freeforumzone.it

Conto Corrente Arancio, di cui oramai si conosce alla perfezione la pubblicità televisiva, è il conto corrente bancario di ING DIRECT Italia che è la banca diretta più grande del mondo con ben 1.274.000 clienti, presente in Italia da aprile 2001 e che ad ottobre 2008 ha lanciato il Conto Arancio.

Con questa tipologia di conto corrente si hanno a disposizione tutti i servizi di una normale banca, tutto il giorno, a qualsiasi ora, sia al telefono che via internet.  Si possono effettuare bonifici e/o ricariche telefoniche e provvedere al pagamento delle proprie bollette.
Per niente scontata è la possibilità di prelevare gratuitamente da tutti gli sportelli Bancomat d’Europa e il poter pagare ovunque ci si trovi con la propria  Carta di Credito Visa Oro.
Per versare del denaro o degli assegni lo si può effettuare da qualsivoglia sportello bancario italiano ed è effettuabile anche la richiesta di un fido sul conto.

Tutto questo ben di Dio quanto costa? Nulla. E' gratis. Le principali operazioni di conto corrente sono a zero spese e non si paga nessun canone annuo. Per i conti correnti con giacenza media annua superiore a 5.000 € l’imposta di bollo sull’estratto conto verrà sostenuta interamente da ING DIRECT.

E' in corso un'interessante promozione. Infatti chi accenderà un Conto Corrente Arancio entro il 16 agosto 2012 riceverà un buono acquisto da 100 euro da spendere su compraonline.mediaworld.it. L'iniziativa è valida solo ed esclusivamente per i nuovi clienti. Astenersi furbastri.

comments powered by Disqus
Il 30 giugno 2014 per esercenti, commercianti, professionisti e aziende è scattato l'obbligo del pos: tutti coloro che esercitano un'attività che comporta la vendita di prodotti e servizi devono cioè garantire ai clienti la possibilità di pagare con il bancomat gli acquisti superiori a 30 euro. Una vera e propria rivoluzione, che se da un lato ha dei vantaggi oggettivi "in termini di tracciabilità dei pagamenti e lotta all'evasione" ed è "un ampliamento e un'agevolazione a favore del cittadino, che disporrà di un ulteriore metodo di pagamento", come spiega Federconsumatori, dall'altro rappresenta un onere non indifferente per chi l'obbligo lo subisce: "I costi di esercizio saranno di 1.032 euro (compresi il Pos e la linea telefonica), quelli per le commissioni di 650 euro", avvisano da Confesercenti. Un nuovo onere al quale il già tartassato sistema della PMI nazionale non ha intenzione di sottostare e che, almeno allo stato attuale delle cose, può in effetti essere 'aggirato': il Dl 179/2012, articolo 10, comma 4 che stabilisce il pos obbligatorio, infatti, non prevede sanzioni in caso di violazione e lo stesso Ministero dell'Economia e delle Finanze con il prot. n. D/825 del 10 giugno 2014 ha avvallato la tesi secondo la quale la norma non introduce un "obbligo", ma un "onere". Fino a nuove comunicazioni, dunque, esercenti, commercianti, professionisti e aziende che non saranno in regola con l'adozione del bancomat non incorreranno in alcuna multa, ma potranno trovarsi nella condizione di perdere uno o più clienti intenzionati a pagare con moneta elettronica o di vedere ritardare i pagamenti. Come spiega infatti una circolare dell'Ordine forense: "Qualora il cliente dovesse effettivamente richiedere di effettuare il pagamento tramite carta di debito e l'avvocato ne fosse sprovvisto, si determinerebbe semplicemente la fattispecie della mora del creditore che, come è noto, non libera il debitore dall'obbligazione". Che tradotto in 'soldoni' significa che il cliente ha l'obbligo di effettuare il pagamento (naturalmente), ma il rischio per il creditore è di riceverlo dopo il previsto. Il consiglio, dunque, è di indicare sempre in parcella tutte le alternative per il saldo dei servizi resi e/o della merce venduta, in modo da evitare spiacevoli inconvenienti.

Economia e finanza - Finanzainmente

I prodotti finanziari di Agos Ducato sono pensati su misura per i clienti Ing Direct che necessitano di un prestito personale per acquistare beni o servizi non strumentali per la propria attività professionale. L'ente fornisce il credito ai consumatori (persone fisiche) finanziando la somma richiesta. Dopo aver fatto domanda e dopo aver ottenuto l'accettazione, l'istituto erogante concede il prestito prevedendo una modalità di recupero con rate mensili pianificate. Questo prodotto proposto da Agos Ducato è un prestito online e non finalizzato, perciò il cliente non è tenuto a utilizzare l'importo per un acquisto in particolare ma può usufruire della somma senza dover presentare giustificativi, preventivi di spesa o maggiori informazioni sul bene o sul servizio: il prestito è fornito senza vincolo di destinazione. Il prodotto finanziario Agos è stato personalizzato per quei clienti Ing Direct che necessitano di disporre di una somma che va da 3.000 a 30.000 euro e che ritengono di rientrare dal prestito in un periodo variabile tra 12 a 84 mesi. Importo e durata sono facilmente combinabili per aiutare il cliente a sostenere ogni esigenza specifica. Non solo! Per ben tre volte è possibile saltare la rata posticipando il pagamento oppure cambiarne l’importo. Richiedi il prestito direttamente dalla tua Area Riservata Ing Direct: massima trasparenza, zero condizioni nascoste, moltissimi vantaggi.

Risparmio e investimenti - Finanzainmente

Stai cercando un conto corrente online a zero spese? Le banche offrono diverse proposte per chi è alla ricerca del massimo risparmio abbinato alla qualità di un servizio eccellente. Vediamole nel dettaglio. Hello! Money è il conto corrente a zero spese che prevede prelievi bancomat (in Italia e all'estero) e operazioni via web totalmente gratuite. La formula di Hello Bank! offre per 9 mesi un tasso d'interesse corrispondente al 2% lordo e totalmente senza vincoli: gli interessi lordi sono calcolati anche sui conti deposito vincolati. Ma la cosa più allettante è che Hello Bank offre un buono regalo di 100 euro su YOOX.com per chi apre un conto. CheBanca!, invece, offre ai suoi clienti due possibilità: la formula Online consente di aprire un conto corrente senza canone annuo che non è soggetto a imposta di bollo, mentre il Conto Yellow è gratuito per i primi 12 mesi e poi prevede un canone di 24 euro all'anno. Online di CheBanca! dà prelievi gratuiti nei bancomat italiani e in quelli all'estero e comprende bonifici online illimitati ma comporta una spesa di 3 euro per i prelievi e i bonifici fatti allo sportello. Il Conto Yellow, invece, non ha imposta di bollo, ha la carta di credito a richiesta e un dossier titoli (tasso d’interesse del conto calcolato fino all’1,50% nominale annuo). Il Conto Corrente Arancio non ha canone e imposta di bollo e non prevede commissioni sui prelievi fatti allo sportello (anche degli altri istituti) nè sui bonifici mentre la proposta di Banca Sella, WebSella.it, non prevede canone fisso o spese e ha tutte le funzionalità di un conto corrente normale: in più offre il servizio di home banking su Facebook.

Risparmio e investimenti - Finanzainmente

FINANZAINMENTE
NEWS