NEWS
DB Interactive, l'e-banking di Deutsche Bank
Scritto il 2011-06-23 da Redazione su Conti correnti

DB Interactive è il servizio offerto da Deutsche Bank ai propri correntisti per gestire in modo immediato, sicuro e veloce operazioni bancarie ed investimenti.
Due pacchetti operativi, e-banking ed e-trading, che consentono la completa ed affidabile gestione di un ampio portafoglio di attività online.
Oltre a verificare il saldo e i movimenti su conto, effettuare bonifici e giroconti, provvedere a pagamenti di bollette e tributi tramite F24, è possibile anche monitorare i movimenti sulle carte di credito collegate, verificare lo stato dei finanziamenti, richiedere assegni ed effettuare prenotazioni di valute estere.
Allo stesso tempo DB Interactive offre servizi su misura per gli investitori con formule differenziate (DB Interactive più, DB Interctive più2, DB Interactive più3) che affiancano strumenti via via più avanzati e sofisticati al pacchetto base di e-trading che offre di default l'accesso ai mercati con informazioni differite di 20 minuti, un portafoglio virtuale per la simulazione di acquisti e vendite, un tool per confrontare l'andamento e performance di fondi, strumenti per la gestione dei fondi. Due le possibili modalità di interazione, tramite computer (click db) o tramite call center (call db), per incontrare le esigenze degli utenti 365 giorni all'anno, 24 ore su 24.
Il pacchetto base ha un canone mensile di €5,16. ma è disponibile gratuitamente per i titolari dei conti db Componi Base, db Componi Online e db Business.

Forte di una storia e un'esperienza di oltre cento anni nel settore della finanza internazionale, Deutsche Bank propone un nuovo servizio di consulenza avanzata nell'ambito del Private Banking che non solo offre "competenze e servizi di alto profilo", ma premia anche gli investitori, valorizzando il loro capitale. Dal 12 giugno al 30 settembre 2014, infatti, tutti i nuovi clienti che trasferiranno i propri investimenti - a partire da un minimo di 50 mila euro - in Deutsche Bank entro il 31 dicembre riceveranno un bonus pari a circa l'1% del valore del capitale, fino a un massimo di 5 mila euro. Dedicata "alle esigenze di una clientela di standing elevato", la promozione del Gruppo tedesco premia "il trasferimento di Azioni e Obbligazioni quotati su mercati regolamentati e MTF italiani, Obbligazioni Bancarie Italiane quotate su mercati regolamentati, Titoli di Stato, ETF e certificates, fondi comuni di investimento e Sicav tra quelli in collocamento presso Deutsche Bank", oltre che quello di importi da altri istituti destinati a "investimenti negli stessi strumenti finanziari" e conferma una volta di più la grande attenzione della Banca teutonica a tutti coloro che scelgono il suo (ricco) portafoglio di servizi. In virtù di una "consolidata esperienza in materia di gestione di patrimoni e di relazioni importanti", infatti, Deutsche Bank mette a disposizione dei clienti un ventaglio di soluzioni tradizionali (come azioni e obbligazioni) e innovative e sofisticate (per esempio Certificates e Covered warrants, ETFs db x-trackers) ampio e diversificato e garantisce una rete di Private Banker altamente qualificati, per una consulenza globale, in grado di rispondere alle esigenze più complesse. Una consulenza avanzata di altissimo livello, insomma, per conoscere maggiori informazioni sulla quale è possibile richiedere un appuntamento con gli esperti Deutsche Bank, compilando l'apposito form presente sul sito db.com/italia/index.htm, nella sezione Private Banking. Sponsored by Deutsche Bank

Risparmio e investimenti - Finanzainmente

I prodotti finanziari di Agos Ducato sono pensati su misura per i clienti Ing Direct che necessitano di un prestito personale per acquistare beni o servizi non strumentali per la propria attività professionale. L'ente fornisce il credito ai consumatori (persone fisiche) finanziando la somma richiesta. Dopo aver fatto domanda e dopo aver ottenuto l'accettazione, l'istituto erogante concede il prestito prevedendo una modalità di recupero con rate mensili pianificate. Questo prodotto proposto da Agos Ducato è un prestito online e non finalizzato, perciò il cliente non è tenuto a utilizzare l'importo per un acquisto in particolare ma può usufruire della somma senza dover presentare giustificativi, preventivi di spesa o maggiori informazioni sul bene o sul servizio: il prestito è fornito senza vincolo di destinazione. Il prodotto finanziario Agos è stato personalizzato per quei clienti Ing Direct che necessitano di disporre di una somma che va da 3.000 a 30.000 euro e che ritengono di rientrare dal prestito in un periodo variabile tra 12 a 84 mesi. Importo e durata sono facilmente combinabili per aiutare il cliente a sostenere ogni esigenza specifica. Non solo! Per ben tre volte è possibile saltare la rata posticipando il pagamento oppure cambiarne l’importo. Richiedi il prestito direttamente dalla tua Area Riservata Ing Direct: massima trasparenza, zero condizioni nascoste, moltissimi vantaggi.

Risparmio e investimenti - Finanzainmente

Nonostante le iniziali rassicurazioni da parte del governo, alla fine l'aumento della tassazione sulle rendite finanziarie dal 20 al 26% colpisce anche conti correnti, conti deposito e libretti postali. In base al decreto Irpef firmato da Giorgio Napolitano, dal 1° luglio 2014 saranno infatti soggetti al vecchio/nuovo prelievo fiscale gli interessi maturati da azioni, obbligazioni, fondi di investimento e strumenti di liquidità, fatti salvi quelli dei Titoli di Stato. Una (mini) stangata da 755 milioni di euro: tale è infatti la cifra che il governo conta di incassare dall'aumento dell'aliquota su conti correnti, conti deposito e libretti postali, considerato che nel 2012 il 93% degli italiani possedeva almeno una di dette soluzioni finanziarie, con circa 692 miliardi conservati in banca e 341 in posta. Ma che peso avranno le nuove tasse sulle tasche degli italiani? Secondo i calcoli effettuati per La Repubblica dalla Cgia di Mestre, chi possiede un deposito fino a 10 mila euro pagherà 1 euro circa in più all'anno, mentre da 10 a 50 mila e da 50 a 250 mila il rincaro sale rispettivamente a 2,3 e 26,1 euro. Infine, chi conserva in banca somme oltre i 250 mila euro dovrà pagare 169,2 euro in più l'anno. Una decisione che ha portato Forza Italia a definire Matteo Renzi "un simpatico tassatore", anche se il governo in una nota diffusa da Palazzo Chigi ha ribadito che "non c'è nessuna tassa sui conti correnti e non c'è nessun collegamento con il bonus di 80 euro", ma semplicemente l'adeguamento delle aliquote italiane a quelle vigenti in Europa.

Economia e finanza - Finanzainmente

FINANZAINMENTE
NEWS