NEWS
Prestiti a protestati con Edera Spa
Scritto il 2010-10-21 da Mac su Prestiti

Edera Spa offre prestiti destinati anche a cattivi pagatori e protestati, ovvero per coloro che non possono accedere a prestiti , mutui , per via del loro passato finanziario.
Tra gli strumenti per avere prestiti nonostante si sia un cattivo pagatore, di certo la più diffusa è la cessione del quinto dello stipendio (o della pensione), strumento valido per dipendenti pubblici e privati (o ai pensionati).
La cessione del quinto dello stipendio con Edera SpA si presenta come sicura e facile. Di seguito alcune dettagli:

• Per chiedere il prestito basta presentare la busta paga
• L’anticipo dell'80% sul prestito richiesto è ottenibile in 24 ore
• non si deve motivare la richiesta di finanziamento
• viene concesso sempre e comunque a firma unica (anche se coniugati), senza ulteriori firme di avallo o garanzia
• l'unica garanzia richiesta è il posto di lavoro e i TFR maturato
• viene concesso anche in caso di protesti, insoluti o altri finanziamenti già in corso
• puoi chiedere il rimborso in 10 anni, ottenendo così una rata bassa che non incide sul tuo tenore di vita
• il tasso di interesse rimane fisso sempre e comunque
• il pagamento delle rate avviene direttamente tramite busta paga, ad opera del tuo datore di lavoro
• sono comprese due assicurazioni “rischio vita” e “rischio impiego” per tutelare te e la tua famiglia
• la cessione del quinto dello stipendio può essere rinnovata o estinta in qualsiasi momento

Per ulteriori informazioni visitare la pagina dedicata sul sito di Edera SpA.

Introdotto con la Legge 608 del 1996 e attualizzato dal Decreto legislativo 185 del 2000, il prestito d'onore è un finanziamento caratterizzato da particolari condizioni, quali un contributo a fondo perduto e un finanziamento a tasso agevolato, pensato per contrastare la disoccupazione con la formula dell'autoimpiego, attraverso la creazione di microimpresa, il lavoro autonomo e il franchising. Una soluzione di sicuro interesse tra i diversi prestiti personali disponibili sul mercato, in vigore in alcune regioni e dedicata a un target di utenti in possesso di requisiti precisi e vincolanti. Per fare richiesta del prestito d'onore, infatti, bisogna essere maggiorenni, disoccupati e residenti in Italia da almeno sei mesi alla data di presentazione della domanda, che deve essere compilata online sul sito dell'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa (Invitalia) invitalia.it e quindi perfezionata con la spedizione del formato cartaceo della stessa e dei relativi allegati. L'approvazione o il rigetto della richiesta da parte di Invitalia avviene entro sei mesi e in caso di risposta affermativa i beneficiari del prestito d'onore hanno l'obbligo di frequentare i corsi e i seminari formativi organizzati dai distaccamenti regionali dell'Agenzia e di svolgere l'attività finanziata per almeno cinque anni. In particolare, per quanto riguarda la creazione di microimpresa - intesa come "attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone" - il finanziamento previsto è di massimo 129.114 euro, con un contributo a fondo perduto che il primo anno può arrivare a 12 mila euro e un finanziamento a tasso agevolato per l'avviamento e la gestione dell'attività, e può essere utilizzato per attrezzature, impianti, macchinari, allacciamenti, beni immateriali a utilità pluriennale, ristrutturazione di immobili (10% dell'investimento), materie prime e materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti, costi interni al processo produttivo, utenze e canoni di locazione per immobili, oneri finanziari, prestazioni di garanzie di assicurazione sui beni finanziati, prestazioni di servizi. Nel caso del lavoro autonomo - inteso come "attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale" - sono concessi invece prestiti fino a 25.823 euro, comprendenti un contributo a fondo perduto per gli investimenti iniziali e le spese di gestione del primo anno e un finanziamento a tasso agevolato di massimo 15 mila euro da restituire in 5 anni, da utilizzare per attrezzature, impianti, macchinari e allacciamenti, beni immateriali a utilità pluriennale e ristrutturazione di immobili (10% degli investimenti). Infine, per il franchising - inteso come "persone fisiche o società (di persone o di capitali) di nuova costituzione che intendono avviare un'attività imprenditoriale in franchising, da realizzare con Franchisor convenzionati con l'Agenzia" - il prestito d'onore consiste in un contributo a fondo perduto e in un mutuo a tasso agevolato, entrambi di importo non specificato a priori, ma flessibili in base all'ammontare degli investimenti e delle spese di gestione e delle caratteristiche del mutuo stesso.  

Risparmio e investimenti - Finanzainmente

Quando si parla di banche, di mutui o prestiti o di cattivi pagatori e di controlli interbancari è molto facile che si parli di Crif. Ma cos’è il Crif, cosa indica e come funziona veramente? Cos’è il Crif? Sotto il nome di Crif si ‘nasconde’ il gestore del più importante Sistema di Informazioni Creditizie (SIC), meglio noto come EURISC. Il Crif è una società indipendente che conta più di mille lavoratori in Italia e all’estero e il suo compito è quello di fornire informazioni riguardanti crediti e prestiti o mutui, per questo rappresenta un vero punto di riferimento per qualunque istituto bancario o creditizio che voglia  ottenere in modo veloce e semplice informazioni sui clienti che richiedono un prestito. Come funziona il SIC? Il SIC è un vero e proprio archivio informatico in cui sono presenti tutti i dati relativi a finanziamenti richiesti e concessi a privati e imprese. Queste informazioni vengono trasmesse al Crif dalle banche e da tutti gli istituti finanziari che fanno parte di tale sistema: chi aderisce al Crif può in ogni momento consultare le informazioni presenti nel SIC e controllare le credenziali di chi si rivolge loro per contrarre prestiti o mutui. In questo modo, le banche possono sapere prima se i soggetti che hanno richiesto dei prestiti sono affidabili o se sono cattivi pagatori e decidere di conseguenza se permettere loro di accendere il finanziamento richiesto o meno. Il Crif influenza il buon esito di un prestito? Naturalmente le informazioni contenute nel SIC sono state raccolte dalle stesse banche, che possono aver segnalato un soggetto anche come cattivo debitore. All’interno del SIC non sono presenti solo dati negativi ma anche dati riguardanti prestiti che prevedono rimborsi non regolari o rimborsi regolari, oltre a qualsiasi informazione sui prestiti richiesti e concessi dalle banche. Il Crif gestisce tali dati senza dare giudizi o prendere decisioni in merito, infatti si limita semplicemente a riportare le informazioni richieste: saranno poi proprio le banche, basandosi sui documenti ottenuti, a prendere le dovute decisioni sulla concessione o meno dei mutui a chi li abbia richiesti. Gli eventuali debiti e la storia creditizia di un soggetto, infatti, possono non essere i soli fattori importanti da prendere in considerazione: per gli istituti finanziari sono importanti anche altre informazioni, esterne al SIC, che possono aiutare maggiormente nella decisione di erogare o meno il credito. Per esempio, fattori importanti per le banche sono rappresentati  dal reddito personale dei richiedenti i prestiti, il patrimonio disponibile degli stessi e l’esistenza di eventuali protesti.

Risparmio e investimenti - Finanzainmente

Agos Ducato, "società finanziaria leader in Italia nel settore da oltre vent'anni", è da sempre attenta alle esigenze dei clienti, che sa essere diverse in base a molti fattori differenti, non ultimo il periodo della vita che si trovano ad attraversare. Per questo, nella sua offerta di prestiti personali include anche quelli pensati specificatamente per le coppie: che vogliono sposarsi e mettere su casa, oppure ristrutturare il loro nido d'amore, oppure ancora attrezzarsi per accogliere un bebè. Necessità differenti, alle quali Agos risponde proponendo le tre soluzioni di finanziamento Duttilio, Piccolo prestito ricaricabile e Consolidamento. Duttilio è il prestito flessibile di Agos Ducato che permette di richiedere da 2.750 a 30.000 euro e di restituirli con una rateazione compresa tra 12 e 120 mesi, con la possibilità di "saltare la rata del finanziamento, posticipandone il rimborso" oppure di modificarla e, eventualmente, di estinguere anticipatamente il montante residuo senza dover pagare alcuna penale. Una soluzione perfetta per le coppie che hanno bisogno di liquidità per affrontare le spese di un matrimonio o per acquistare o ristrutturare casa. Piccolo prestito ricaricabile, anche noto come Conto PIM (Personal Instant Money), è invece una vera e propria linea di credito che permette di fruire di cifre fino a 3.100 euro entro 48 ore dall'approvazione della richiesta e di restituire l'importo in comode rate mensili, senza costi fissi nè spese aggiuntive. L'ideale per l'acquisto di nuovi elettrodomestici o dei mobili per la cameretta del bebè in arrivo. Consolidamento, infine, è la formula di Agos Ducato per fare confluire eventuali prestiti precedenti in un unico finanziamento, così da non dover impazzire dietro alle scadenze, con il rischio (costoso) di dimenticarne qualcuna. Con Consolidamento di Agos, infatti, la rata mensile diventa una sola, così come il tasso (TAN), "unico e bloccato per tutta la durata", che può arrivare fino a 120 mesi. La risposta per le coppie che vogliono cambiare casa e/o procedere a lavori di ristrutturazione per accogliere un bebè e hanno in piedi un precedente mutuo o altri finanziamenti.

Risparmio e investimenti - Finanzainmente

FINANZAINMENTE
NEWS